venerdì 15 gennaio 2010

con il vostro aiuto

ho optato per il secondo e l'ho fatto ad inchiostro, eccolo:

24 commenti:

gians ha detto...

Intato ti faccio i complimenti per i disegni, non avevo notato fossero i tuoi, mi ricordano vagamente le copertine dei pink floyd. Tornando al merito del post, le vocazioni minoritarie, sono perdenti in partenza. :)

Arci ha detto...

anche quelle maggioritarie, caro GIANS, non sono andate tanto bene per certuni

Mk ha detto...

Tutte le vocazioni spesso partono maggioritarie ma poi diventano minoritarie per definizione.:)))
Non bisogna volare basso ma adattare il volo alle esigenze.:))
Ciao Arci
Mk

Arci ha detto...

spirito di adattamento ... attegiamento precario ;))

Mk ha detto...

Eh Arci...non tocchiamo questo tasto.Spesso la precarietà nell'immaginario collettivo significa essere senza qualità, stupide marionette da manovrare a seconda delle esigenze di coloro che sono di ruolo,che diventa la condizione sine qua non di superiorità.I titoli, lo studio, i concorsi,la preparazione e quant'altro non contano.Conta che chi è di ruolo è Insegnante, chi non lo è-di ruolo- è una sguattera che tutto deve fare-anche da bidella a loro- e asservire le I maiuscole.Che poi si attaccano perché uno non si lascia sfiorare dalla cosa ma ribadisce che "muort sì tu e muort sò pur 'io ..." ma è un calice amaro.Mortificante.Quando finirà?
Un abbraccio
Mk

IL LAICISTA ha detto...

Complimenti, sei bravo nel disegno, e pure spiritoso :)

Arci ha detto...

cara MK, lungi da me mortificare i precari. D'altra parte sono padre di due aspiranti tali. Le mie figlie studiano all'università (una all'Orientale e l'altra alla Federico II) e ho l'incubo che debbano attraversare percorsi come quello della protagonista del film "Tutta la vita davanti".

La mia generazione ha conosciuto la precarietà in forma ridotta e, anche per questo, mi ritengo fortunato.

Cosa posso dirti, se non augurarti un contratto a tempo indeterminato.
Ti abbraccio a mia volta ;)

Arci ha detto...

grazie IL ... che ero spiritoso te ne eri già accorto, no?

miZZ roZZella ha detto...

Se sei spiritoso, e lo sei, dovresti sorridere di più.

miZZ roZZella ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Arci ha detto...

ci proverò ;-)))))))))))))))

Marcoz ha detto...

Vista frontale. Nessun accenno di orientamento a sinistra o a destra.
Il nuovo taglio editoriale di questo blog incomincia a essere palloso.

Nardi ha detto...

Rende bene l'idea di una sinistra bloccata in periodo refrattario da quindici anni almeno.

Arci ha detto...

MARCOZ, ti piace la rissa politica ?
e le scarpe e calzini li hai notati?

Arci ha detto...

benvenuto Fra' ... la pelata ti sembra quella di Bersani?

Marcoz ha detto...

Una citazione? Una dedica? Sono commosso.

Fortunatamente non mi posso riconoscere nel soggetto.
Per trovarlo, lo trovo. Fin troppo facilmente, diciamo… È dopo che iniziano i problemi, perché dopo che l'ho trovato non so dove piazzarlo.

(ehi, con un commento del genere sai quanti soldi per lo psicanalista ho risparmiato!)

Arci ha detto...

incomincia a vantarti con le amiche per la citazione, poi ...da cosa nasce cosa ecc...

quello che conta, all'occorenza ... è trovarlo

ugo89 ha detto...

compilmenti al disegno!!!!!!

Arci ha detto...

grazie UGO

Mk ha detto...

Arci, una volta la precarietà era l'eccezione che,come in tutte le cose italiane, è diventata la regola aurea su cui si fonda il lavoro.Ci sono madri con figlie universitarie al seguito che vengono a chiedere di fare il tirocinio da noi e chiedono come si diventa precarie come noi.Follie.
Buona settimana:)
mk

IL LAICISTA ha detto...

Certo che me n'ero accorto ;)

Arci ha detto...

Cara MK, purtroppo bisogna dire che è meglio un lavoro precario che niente ;)

IL ;)

gians ha detto...

Non si può stare una vita a scrutarsi l'uccello. ;)

Arci ha detto...

cambio subito GIANS