lunedì 29 novembre 2010

l'effetto Wikileaks

L'effetto immediato, al di la del gossip che interessa solo taluni, (quelli che ridono delle cose serie e piangono sulle sciocchezze) è il giudizio del mondo sugli USA e su Obama. Forse il giudizio del mondo sugli USA cambierà poco, ma il numero di coloro che guarderanno ad Obama come ad una persona non all'altezza del compito cresce a dismisura.

Nei prossimi giorni cosa accadrà a quel diplomatico che ha insultato Sarkozy ?  Lo richiameranno gli americani o lo cacceranno i francesi ?
Comunque vada la diplomazia americana subirà contraccolpi tali che prevederne i singoli effetti è raccapriciante. Quante ore di anticamera faranno i diplomatici della potenza n. 1 al mondo nelle varie sedi europee, asiatiche ed africane? Chi vorrà più avere a che fare con uno che abbia espresso giudizi volgari?

Non aver fermato Wikileaks, da parte dell'amministrazione Obama, è stato un disastro. Il giovane presidente si è isolato senza che i suoi nemici abbiano dovuto fare nemmeno uno sforzo eccessivo.

A Napoli la Iervolino e Bassolino ci fanno rimpiangiere Gava e Pomicino, nel resto del mondo si rimpiange Bush.

2 commenti:

Gians ha detto...

Hei? stavo per chiederti dove andavi!

nicbellavita ha detto...

Ed io stavo per chiedere, in generale, questa storia di Wikileaks, che non ho ancora capito. :-|
Buona giornata, Arci.