mercoledì 13 gennaio 2010

riassumo per conservare

lo scambio di opinioni generato dall'ottimo post di Marcoz che gira sul concetto di UTILE.

Di tutto il post c'è una sola frase che non mi convince:
“E il piacere non ha necessariamente altri scopi se non quello imprescindibile di giustificare se stesso.”

Ovviamente mi attacco a quella  (se no che "Rompi" sarei?) ed osservo:
1 -
caro MARCOZ, dopo vari e divertenti paradossi e battute hai tirato giù un post molto profondo. Smontando il concetto di utilità più che l’arbitraria attribuzione di inutilità a quella scatola che si chiude da sola.
Benedetto Croce non amava la scienza perchè apparteneva all’utile. Pensa un po’.

Una sola frase mi lascia perplesso, quando dici: “E il piacere non ha necessariamente altri scopi se non quello imprescindibile di giustificare se stesso.”
L’avverbio un po’ la salva, ma la frase non mi convince lo stesso.
Il piacere giustifica il nostro essere al mondo. Non ti pare?


Ci sono repliche ed altri commenti, e io ritorno alla carica:
2-
....., la censura paolina (se vuoi, cristiana ed islamica) ha cancellato nella nostra cultura una cosa che dovrebbe essere pacifica: viviamo per avere piaceri.
Perchè noi maschietti sopportiamo le paturnie delle nostre donne e perfino le suocere? Perchè le femminnucce sopportano il nostro amore per lo sport, le violenze e gli sguardi che rivolgiamo ad ogni altra gonnella?
Perchè ci ammazziamo di lavoro ?

Ma è solo per un po’ di piacere. Se non per quello, per cosa?

 Poi dopo altri commenti replico con dei banali esmpi:
3-
il mio gatto nella vita vuole scoparsi le gattine, mangiare i croccantini, divertirsi coi topolini e portarmeli per far vedere quanto è bravo e starsene sotto il termosifone a non far niente.
Noi non siamo diversi da lui: cerchiamo il piacere. Essendo più intelligenti aggiungiamo attività un po’ assurde: lavorare, avere degli interessi culturali, relazionarci in modo complesso con gli altri.
Ma se ci fossimo assicurati la diponibilità di Jennifer Aniston (che magari apprezza il nostro senso artistico, o i diamanti che le regaliamo), una buona cucina e un posto caldo … torniamo a essere come il gatto.

Un mio amico ha fatto la radioterapia, così ha perso completamente il gusto. Può infilarsi in bocca qualsiasi cosa che è lo stesso. E’ dimagrito 12 chili, sai perchè? Perchè mangiamo per il piacere, non per nutrirci.


E ancora, dopo che sono intervenuti anche gli amici Gians, Ugolino e IlLaicista, con l'ultima osservazione:
4-
ho letto tutti i commenti e ancora non trovo un esempio di qualcuno che scopi per procreare.

Credo, dunque, che su UTILE e PIACERE si possa ancora disutere proficuamente, mantenedo fede all'impegno di non scendere più a discorrere di politica.

14 commenti:

ugo89 ha detto...

Condivido pienamente che si scopa per piacere, anche perche quando vieni chiamato da un amica mica ci vai per procreare ci vai per piacere.

Arci ha detto...

benvenuto caro UGO89 e saluti alle tue amiche (volontarie ?)

Marcoz ha detto...

Ellapeppa, che onore!
Sempre a scopo divagatorio (per evitare la politica, dico), si può fare una digressione sul tema "Necessario o superfluo: dove il confine?"

(sulla procreazione ho già risposto, in qualche maniera)

gians ha detto...

Al netto della banalità che sto per dire, e cioè che arriva un giorno in cui davvero si scopa per procreare, perchè per mille motivi, lo si è fatto e tanto, ma solo per piacere, credo che quasi sempre con l'avanzare degli anni, tutto diventi piuttosto ripetitivo. Per farla breve, una sigaretta accesa a 13 anni aveva un'altro gusto. Il piacere sfiorisce con il tempo, a noi, trovarne di nuovi.

Arci ha detto...

certo che si può caro MARCOZ

Arci ha detto...

quando un piacere sfiorisce se ne trova un altro che ci soddisfi, caro GIANS.

Senza è non vivere.

enne ha detto...

Da epicureista latente non posso che essere d'accordo con te.
Il video di Marcoz non mi si è aperto, ma suppongo quella scatola fosse un giochino, o qualcosa del genere.
Epicureista ed edonista, aggiungo.
Avendo stoltamente trascorso buona parte della mia vita a complicarmela inutilmente, a volte son presa dalla smania di recuperare quello che posso, tanto il tempo perso non ce lo rende nessuno.

Marcoz ha detto...

Comunque, quando le acque (lavorative) si calmano, ci ritorno sulla mia frase incriminata.

Buona giornata.

Arci ha detto...

Cara N l'epicureismo ci spinge a disinteressarci degli aspetti collettivi e a focalizzare l'attenzione su noi stessi e sul nostro privato. Ben si sposa, dunque, all'età matura.
Cogli benissimo che di questo si tratta. E anche Marcoz quando propone di indagare su quello che è necessario distinguendolo dal superfluo.
Di tempo ce ne è sempre. Come diceva il Grande non si mai abbastanza giovani per iniziare né abbastanza vecchi per smettere di filosofare.

Arci ha detto...

tornaci pure, caro MARCOZ, ma non perseverare ;))

ugo89 ha detto...

Arci hai sentito il fatto che Paris Hilton per farsi perdonare dal nuovo fidanzato anni e anni di sconsideratezze a letto, ecco il rimedio: il bisturi per ricostruirsi l'illibatezza ma che assurdità!!!!!

Arci ha detto...

caro UGO, questo genere di notizie non è in cima ai miei interessi :)

Mk ha detto...

Allora sono epicurea pure io, anche se spesso i miei interessi-difesa e conservazione del seppur precario posto di lavoro-coincidono con quelli di altre 300 persone .Ergo faccio qualcosa di utile per me e gli altri.Inutili sono le liti ma utili sono le critiche costruttive.Ma chissà perché i signori gira che ti rigira aarrivano a ben altri argomenti...:)
Ciao Arci dalla passata:)

Arci ha detto...

di quali signori parli dear Verace ?